Comune di Contrada » Pensiero del giorno

Albo Pretorio Online

Albo pretorio

Concorsi

Concorsi

Bandi ed esiti

Bandi di gara

S.U.A.P.

Sportello Unico Attività Produttive

P.E.C.

Piano di Emergenza Comunale

Monte Faliesi

San Michele Arcangelo e il pellegrinaggio sul Monte Faliesi 

2012

 

GRAZIE LYCOS

Guarda il VIDEO

 

MonteFaliesi


 

MonteFaliesi


 

MonteFaliesi

RSS di - ANSA.it

Santo del giorno
Google

PUC

Piano Urbanistico Comunale

IBAN

Codici IBAN del Comune

Santo del giorno

Febbraio 2018
23
Venerdì

 

Nome: San Policarpo

Titolo: Vescovo e martire

 

Altri Santi e venerazioni di oggi  

 

 

San Giovanni Theristi

Beata Giuseppina Vannini

Beato Ludovico (Ludwig) Mzyk

Santa Milburga

Beato Nicola Tabouillot

Beata Raffaella Ybarra

San Sereno (o Sireno o Sinero) di Sirmio

San Villigiso (Willigiso)

Beato Wincenty Stefan Frelichowski

San Livio

Tommaso Maria Fusco

 

---

 

Poco si conosce della vita di S. Policarpo. Si sa che in gioventù si converti al Cristianesimo: ebbe la fortuna di essere istruito dagli Apostoli ed in special modo da S. Giovanni Evangelista che lo ordinò vescovo della Chiesa di Smirne verso l'anno 96, e fu primate di tutta l'Asia. Tanto fu l'affetto dei fedeli verso il loro pastore, che ognuno desiderava servirlo, ritenendosi fortunato al solo toccarlo. A lui sono rivolte quelle parole dell'Apocalisse: «Io so la tua tribolazione e la tua povertà, ma sei ricco di virtù». Un simile elogio, fatto dallo stesso Spirito Santo, ci mostra quanto fosse grande la sua virtù_ Infatti il suo zelo per la purità della dottrina era sì fervido che quando udiva qualche cosa di contrario si chiudeva gli orecchi gridando: «Ah, Signore, a quali tempi m'avete voi riserbato», e prontamente spiegava la verità. Ritornando da Roma, s'imbattè a caso nell'eretico Marcione che superbamente gli chiese: - Mi conosci tu? - Cui Policarpo rispose: - Sì, in te riconosco il primogenito del diavolo. In età avanzata vide ripetersi le stragi di Nerone, nella quarta persecuzione mossa da Marc'Antonio e da Lucio Aurelio. I Cristiani dell'Asia furono provati con ogni sorta di supplizi, né doveva essere escluso il loro pastore. Condannato e condotto nell'anfiteatro, udì una voce che dal cielo diceva: «Coraggio, Policarpo, sii costante». Quadrato. il proconsole a cui venne presentato il Santo, dopo avergli domandato il nome, cercò di persuaderlo di aver compassione della sua vecchiaia dicendogli: «Pensa che non potrai sopportare i tormenti, alla vista dei quali gli animi più robusti tremano. Di' con tutto il popolo: "Siano sterminati gli empi giura per la fortuna degli imperatori e bestemmia il tuo Cristo». Ma Policarpo, con volto celestiale, rinvigorito di novella forza, gli rispose: «Sono ottantasei anni che servo il mio Signore: Egli non mi fece alcun male, anzi, ogni giorno ho ricevuto nuove grazie: come dunque posso io dir male del mio Creatore, Benefattore e Conservatore? Come posso offendere il mio Salvatore, il mio Dio, che è il Supremo Giudice, che deve punire i malvagi e premiare i buoni?». In così dire una luce di Paradiso gli irradiò la fronte: il feroce proconsole comandò che fosse arso vivo. Policarpo si preparò al martirio annunciatogli con continua e fervorosa preghiera. Quando finalmente fu vicino al rogo, esultò di gioia indicibile e, gettando lontano da sè i bastoni su cui si appoggiava, accelerò il passo ed entrò nel fuoco. Il Signore però lo fece rimanere incolume in mezzo alle fiamme. Il proconsole allora ordinò che fosse decapitato.

 

PRATICA. Noi giungeremo a trionfare coi Santi in cielo, se a loro imitazione sopportiamo generosamente le persecuzioni e i travagli di quaggiù (San Gregorio Magno).

 

PREGHIERA. O Signore, che ci allieti con l'annua solennità del tuo beato martire e Pontefice Policarpo, concedici, propizio, che come ne celebriamo la festa, così ci rassicuri la sua protezione.

 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Smirne il natale di san Policàrpo, discepolo del beato Giovanni Apostolo e da lui stesso ordinato Vescovo di quella città: fu il personaggio più illustre di tutta l'Asia. Sotto Marco Antonino e Lucio Aurélio Cómmodo, in presenza del Proconsole, mentre tutto il popolo nell'anfiteatro a gran voce gridava contro di lui, fu dato al fuoco, e non restando punto offeso dalle fiamme, trafitto dalla spada, ricevette la corona del martirio. Con lui furono pure martirizzati nella stessa città di Smirne altri dodici, che erano venuti da Filadélfia. La festa di Policarpo si celebra il ventisei Gennaio.

 

Comune di Contrada
Via Luigi Bruno, n. 79
Tel. 0825.674081 - FAX 0825.660977

email protocollo@comune.contrada.av.it 

 

P.IVA 00280880642 - Codice Fiscale 80001930645

Codice ISTAT Provincia 064 - Codice ISTAT Comune 029 - Codice Catastale C971

 

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.941 secondi
Powered by Asmenet Campania